Infortunio sul lavoro con prognosi breve: dal 12 ottobre obbligo di comunicazione

il 5 Ottobre 2017 News ed eventi e Tag:, con 0 commenti

Gli adempimenti a carico dei datori di lavoro si arricchiscono di una nuova comunicazione. Da giovedì 12 ottobre, infatti, i datori di lavoro saranno obbligati a comunicare all’INAIL anche l’infortunio sul lavoro con prognosi fino a tre giorni, escluso quello dell’evento. La comunicazione ha finalità esclusivamente statistiche ed informative (non assicurative), ma per l’inadempimento è prevista l’applicazione di una sanzione amministrativa compresa tra 548,00 e 1.972,80 euro.

Il TU sicurezza (art. 18, comma 1, lett. r, d.lgs n. 81/2008 ), in verità, ha sempre previsto questo adempimento. Tuttavia, in attesa della disciplina di funzionamento del SINP (Servizio Informativo Nazionale per la Prevenzione nei luoghi di lavoro), l’obbligo è rimasto sospeso. Uno stand by durato ben otto anni, durante i quali i datori di lavoro sono stati obbligati a denunciare, ai fini assicurativi e statistici, solo gli infortuni sul lavoro con prognosi superiore a tre giorni, escluso quello dell’evento. Si tratta, in altre parole, degli infortuni sul lavoro per i quali è previsto l’intervento dell’INAIL. Ricordiamo, infatti, che il giorno dell’evento ed i tre giorni successivi sono sempre a carico del datore di lavoro.

Il nuovo adempimento è previsto per ogni infortunio sul lavoro che si verificherà a partire da giovedì 12 ottobre 2017. La comunicazione, esclusivamente telematica, dovrà essere inviata all’INAIL entro 48 ore dal ricevimento del certificato medico. A provvedervi sarà direttamente il datore di lavoro, se munito delle apposite credenziali di accesso all’area riservata del sito INAIL. In alternativa, potrà occuparsene un intermediario abilitato. Continua a leggere su gargano.pro